venerdì 4 aprile 2014

Gnocchi di ricotta di Luca Montersino con salsa alle triglie e gamberetti

La ricetta che vi propongo oggi è presa dal libro "Accademia Montersino" di Luca Montersino.
Come saprete lui è un maestro pasticcere di grandissima fama, ma è anche un grande chef.
Ho voluto provare questo piatto e devo dire che le aspettative non sono state deluse...
Tutte le sue ricette sono una garanzia!
Ci vuole solo un po' di impegno in più, dato che nel libro vengono spiegate oltre alle tenciche base
anche quelle un po' più particolari, ma per chi ama la cucina non può essere che un piacere
cimentarsi ed ottenere i risultati sperati!
Io ho modificato la ricetta inserendo i gamberetti ed omettendo la guarnizione con i semi di sesamo nero.
Mi sono dilungata anche troppo, ora iniziamo!


Ingredienti (per 4 persone):

Per gli gnocchi:
1 kg di ricotta di pecora
400 g di farina
100 g di uova intere
100 g di parmigiano grattugiato
70 g di erba cipollina
noce moscata
sale

Per la salsa:
250 g di triglie sfilettate
250 g di gamberetti puliti
300 g di salsa di pomodoro
100 ml vinobianco
30 ml olio extravergine di oliva
finochietto selvatico
uno spicchio di aglio

Per la guarnizione:
200 g carote
100 g di pinoli
50 g di farina
finocchietto selvatico
olio di semi

Preparazione:

Preparate gli gnocchi:

Vi consiglio prima di iniziare di far perdere alla ricotta l'eventuale siero ed utilizzarla ben scolata.

Tagliate finemente l'erba cipollina.
Mettete la farina sul piano di lavoro, distribuite la ricotta e cospargete con la farina restante lasciandone un po' da parte.
Aggiungete l'erba cipollina, il parmigiano, un pizzico di noce moscata e sale.
Formate una fontana ed aggiungete le uova al centro. Iniziate a lavorare l'impasto.
Eccomi mentre lo preparo :-)


Aggiungere l'altra farina fino ad ottenere un impasto liscio.
Ricavate tanti filoncini del diametro di 2 cm.
Tagliateli  e fateli scivolare su una forchetta per rigarli.

Preparate il condimento:
Pulite i gamberetti come riportato qui.

Sciacquate bene i filetti di triglia sotto l'acqua corrente (io ho comprato le triglie fresche che ho fatto sfilettare in pescheria), lasciateli asciugare su un foglio di carta assorbente e tagliateli a dadini.
Prendete una padella e fate rosolare l'aglio con un filo di olio extra vergine di oliva.
Togliete l'aglio ed unite le triglie ed i gamberetti unite il finocchietto selvatico
tagliato al coltello salate e pepate.
Sfumate con il vino bianco, quando sarà evaporato unite la salsa di pomodoro e fate cuocere per 10 minuti.
Tostate i pinoli in una padella senza olio.

Per la guarnizione:
Pulite le carote e tagliatele a julienne.
Passatele nella farina e friggetele in olio non troppo caldo. Aiutatevi con il termometro da cucina la temperatura deve essere a 150°.
Quando saranno croccanti scolatele e se volete spolverizzatele con semi di sesamo nero che io non ho messo.

Cottura:
Lessate gli gnocchi in acqua bollente poco salata, quando saliranno a galla cuocete ancora per altri due tre minuti.
Scolateli e trasferiteli nella padella col ragù di triglie e gamberetti. Fate saltare ed insaporire.

Impiattare:
Per impiattare potete utilizzare un anello di acciaio:
Disponete gli gnocchi sul piatto con sopra le carote fritte, un rametto di finocchietto selvatico ed i pinoli tostati.
Irrorate con un filo d'olio (sformate) e servite.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...